Contattaci allo: 099 400 17 49

Tempesta solare in arrivo sulla Terra

  • Immagine

Una consistente eruzione solare (di classe M6.5) si è verificata ieri, dando vita a un'emissione di particelle (coronal mass ejection, CME) che, viaggiando a circa 960 Km/s, raggiungeranno la Terra questa sera e causeranno tempeste elettromagnetiche. Il nostro pianeta sarà esposto a questa pioggia di materiale stellare per tutto il fine settimana, e gli effetti dovrebbero tradursi in leggeri malfunzionamenti nei sistemi di comunicazione.

Se avete programmato una gita, quindi, meglio prepararsi a qualche problema con il sistema GPS e la radio FM. Nessuno si aspetta eventi drammatici per questo week-end, ma per una famiglia trovarsi in mezzo alla campagna senza sapere dove andare potrebbe essere una bella seccatura – per quanto perdersi abbia il suo fascino. I disturbi, in ogni caso, non dovrebbero durare più di un paio d'ore.

L'emissione di particelle registrata ieri dalla NASA

Un'eruzione (o brillamento) di classe M è infatti relativamente debole, e il più debole tra quelli che possono creare una tempesta capace di arrivare sulla Terra. Questo in particolare, tuttavia, è il più forte registrato quest'anno e anticipa un'attività solare che durante l'anno risulterà sempre più intensa.

A parte i piccoli problemi descritti, non ci sono altre ragioni per preoccuparsi, perché "le radiazioni pericolose non possono attraversare l'atmosfera della Terra e danneggiare gli umani", spiega infatti l'articolo pubblicato dalla NASA riguardo a questo evento.

Anche stavolta quindi non vedremo le scene apocalittiche descritte in alcuni film, nei quali i protagonisti si trovano all'improvviso scaraventati in un moderno medioevo. Vi dispiace?

fonte

Questa pagina ha ricevuto commenti!